Gruppo 3

ISTRUZIONI

Il test ha la durata complessiva di 90 minuti ed è composto da n. 30 quesiti e da un test conoscitivo per profilare i necessari dati personali. Modalità di attribuzione del punteggio: 1 punto per ogni risposta esatta, 0 punti per ogni risposta errata o non data.
Il punteggio conseguito nella prova sarà convertito in livello raggiunto, secondo la seguente griglia:

Punteggio0-1516-1920-2526-30
Livello raggiuntoInizialeBaseIntermedioAvanzato

 

Test Gruppo 3

Test Assessment three

Test Assessment three

TEST CONOSCITIVO
Usare il mouse e il calendario, non inserire la data manualmente.
Voto diploma scuola secondaria di primo grado
Ti sei iscritto al Liceo Scientifico di
L'indirizzo di studio scelto è

TEST 

Un mare di plastica

Se per un fazzolettino di carta abbandonato in mare servono tre mesi per decomporsi completamente, per una cannuccia di plastica ci vogliono 20-30 anni, per un accendino da 100 a 1.000 anni e per una bottiglia di plastica più di 1.000.

Ogni anno circa il 10% delle 260 milioni di tonnellate di plastica prodotte finisce in mare: il 20% da navi e piattaforme, l’80% da terra. In totale si tratta di 46mila pezzi di plastica galleggianti in ogni miglio quadrato di oceano, un vero e proprio mare d’immondizia lungo circa 2.700 km.

Secondo i dati raccolti dal WWF nel dossier “Spiagge d’Italia: bene comune, affare privato”, nel mar Mediterraneo ci sarebbero 3 miliardi di rifiuti galleggianti o addensati sui fondali, di cui il 70-80% costituiti da plastica: sacchetti, bottiglie, sigarette e mozziconi. Per avere un’idea della concentrazione, basta pensare che nel nostro mare, con 2,5 milioni di kmq di superficie, ci sono 500 tonnellate di plastica, mentre nell’Oceano Atlantico, che si estende per oltre 106 kmq, 1.100 tonnellate.

Questi microframmenti di plastica più piccoli di un millimetro possono arrivare fino ai nostri piatti, ingoiati dal plancton, a sua volta mangiato dai pesci. Inoltre queste particelle bloccano gli scambi gassosi tra i fondali e l’acqua sovrastante e la conseguente assenza di ossigeno che si viene a creare modifica in maniera sostanziale e spesso distrugge gli ecosistemi.

(Laura Pulci, articolo apparso su oggiscienza.wordpress.com)

1) I rifiuti di plastica più diffusi nel Mediterraneo sono:
2) In che modo la plastica finita in mare può danneggiare l’uomo?
3) L’immagine che accompagna il testo
4) Nel suo complesso il testo ha lo scopo di
5) Ogni anno, delle 260 milioni di tonnellate di plastica prodotte, finisco in mare circa
6) Le tonnellate di plastica provenienti da navi e piattaforme che annualmente finiscono in mare sono circa
7) Il rapporto tra la massa dello zooplancton e la massa dei pezzi di plastica presenti in mare è pari a
8) Quanta plastica è presente nell’Oceano Atlantico?

Osserva l’illustrazione  (tratta da Focus del giugno 2017) e rispondi ai quesiti 9 e 10

9) Una persona che dorme mediamente 6 ore può incorrere in rischi per la salute?
10) Quale tra le seguenti affermazioni è falsa?
11) Completa la frase con la congiunzione appropriata: Tommy ha ottimi voti in tutte le materie……. dedichi molto tempo alla musica”.
12) Quale tra i seguenti termini corrisponde a questa definizione: “nascondere il proprio pensiero o proposito, spesso fingendo il contrario”?
13) In una sola delle seguenti parole “in-“ ha valore negativo. Quale?
14) Nella frase “Se solo avessi un briciolo del tuo talento!”, il verbo “avessi” esprime
15) Un triangolo di numeri.

Scrivete i numeri 4, 7, 8, 9 nelle caselle vuote della figura in modo che la somma dei numeri scritti su ciascuno dei tre lati del triangolo sia sempre uguale a 19.

Quale numero avete scritto in particolare in basso a destra?

16) Bip-bip

L’orologio della figura emette un bip ogni 10 ore. Adesso sono esattamente le 10.00 di mattina e lui emette un bip.

Quante ore devono passare al minimo perché l’orologio emetta un bip di nuovo alle 10 di un giorno successivo (di mattina o di sera)?
17) Il découpage

Milena, dopo aver piegato un foglio di carta in quattro come indicato in figura, lo taglia con le forbici sempre seguendo le linee della figura.

Se adesso riapre il foglio, quale delle seguenti forme (da 1 a 6) si troverà di fronte?

18) Se 6 boscaioli tagliano 6 abeti in 6 ore, quanto tempo serve a 8 boscaioli (che lavorano allo stesso ritmo dei precedenti) per tagliare 8 abeti?
19)  “ Sottrai al quadrato della differenza tra a e b la somma tra il quadrato di c e il quadrato di d”

Qual è la giusta espressione matematica che traduce la precedente frase? (indica la lettera corrispondente all'espressione corretta)

20) Osserva ed analizza la seguente espressione matematica?

 

Quale frase la descrive correttamente ?
EXERCISE 1: Read this article about the Cornish language. Choose the best word for each space, A, B, or C.

 

A short history of glasses

 

People haven’t always (1)….. glasses. History books say there weren’t any reading glasses when the Italian writer Seneca was born in 48BC, for example. So how did people with bad eyes read without them? Seneca looked (2)….. a drinking glass!

We’ve known for a long time that the sun can (3)….. our eyes. The Chinese first used sunglasses about 2,000 ears ago. In the north of Canada, the sunlight on the snow is very strong in spring when the sun is (4)….. in the sky. People put (5)….. of wood over their eyes before they had sunglasses there.

People didn’t start to use sunglasses to see better until much later. People (6) …. That the first pair of glasses was made in Italy in about 1284.

(1)
(2)
(3)
(4)
(5)
(6)

Exercise 2: Read the text again and decide if these statements are true (T), false (F), not given (NG).

1. Sunlight is may be dangerous for our eyes.
2. Reading glasses were first used in China.
Exercise 3: Grammar. Read the questions and choose the correct answer.
1. What is the correct paradigm of the verb worn (line 1)?
2. What to the letters BC (line 2) stand for?
X
Skip to content